Mortal Kombat vs DC Universe (2008) – Il canto del cigno della Midway

Mortal Kombat vs DC Universe (2008) – Il canto del cigno della Midway

Nel Febbraio 2007 Midway Games annunciò il progetto per l’ottavo gioco di Mortal Kombat. Un ritorno alle origini, dark e serio. Durante la pianificazione fecero un accordo con DC Comics, il progetto fu cancellato (in realtà venne messo solo da parte), portando allo sviluppo di un gioco diverso, il crossover Mortal Kombat vs DC Universe.

Mortal Kombat vs DC Universe

Mortal Kombat vs. DC Universe esce sul finire del 2008. Midway dichiara bancarotta nel 2009 e cede i diritti del franchise a Warner Bros. Interactive. Questo evento fa di MK vs DC l’ultimo titolo della saga ad essere prodotto da Midway.

Del progetto originale è rimasto solo l’uso dell’Unreal Engine 3. Mentre l’uso di una licenza DC Comics impone alla produzione delle limitazioni alla violenza, elemento caratteristico di Mortal Kombat.Il rating vietato ai minori venne abbassato agli adolescenti, pertanto alcune Fatality vennero escluse o modificate per mantenere il divieto. Anche se la cosa fa un po’ ridere dal momento che proprio in quegli anni i fumetti DC Comics erano caratterizzati da una bella dose di sangue, vi basti pensare a Blackest Night.

Il gameplay 3D venne totalmente rinnovato. Le trappole mortali vennero eliminate dalle arene, al loro posto vennero aggiunti nuovi elementi di gioco. Alcune arene si sviluppano su più livelli ed è possibile spingere l’avversario oltre un limite e di attivare la modalità caduta libera, una sequenza animata in cui i due combattenti si affrontano durante la caduta, al giocatore è permesso colpire l’avversario o difendersi da esso limitando i danni, mentre in altre arene facendo sbattere l’avversario contro una parete è possibile attivare la modalità test your might che consiste nello sfondare una serie di pareti arrivando ad un altra zona, questo causa danni ma è possibile ridurli premendo i tasti il più velocemente possibile.

Mortal Kombat vs DC

Al combattimento è stata aggiunta la Rabbia. Si tratta di un potere che permette di avere un potenziamento per un breve tempo. La Rabbia si attiva dopo aver riempito delle barre di energia e oltre ad aumentare la potenza degli attacchi protegge dagli attacchi nemici diminuendone i danni.

Alle mosse speciali sono state aggiunte le Pro-Moves. Consistono nell’eseguire delle altre mosse speciali o la stessa con il giusto tempismo così da attivare dei nuovi effetti, per esempio Sub-Zero dopo la scivolata può attivare il teletrasporto, o dopo il teletrasporto la sua contromossa. Infine premendo un tasto si può attivare il combattimento ravvicinato che non penso ci sia bisogno di spiegare.

Come già accennato poco fa Mortal Kombat vs DC Universe vede il ritorno delle classiche Fatality, accantonando l’esperimento delle Fatality personalizzate. Come accennato per via del rating son ben lontane dai livelli di violenza e brutalità visti in passato. Ovviamente i supereroi DC rimangono fedeli ai fumetti, per cui Superman, Batman e compagnia non uccidono i loro avversari e per l’occasione possono contare sulle Heroic Brutality.

La modalità offre al giocatore la possibilità di scegliere la propria fazione, DC o MK, e si divide in diversi capitoli in cui si devono affrontare dei combattimenti pre programmati con i vari personaggi. Di solito ogni personaggio è protagonista di un capitolo che lo vede impegnato in almeno tre combattimenti, i combattimenti sono intermezzati da sequenze animate in cui si vede lo svolgimento della storia, per vederla al 100% è necessario giocarla con entrambe le fazioni.
A concludere le modalità di gioco c’era la classica torre arcade da scalare in single player per sbloccare i finali non canonici di ognuno dei personaggi.
Il gioco all’epoca ricevette critiche positive e le vendite lo premiarono. Ad oggi in rete, MK vs DC è praticamente ricordato negativamente. Per quanto mi riguarda sono giudizi esagerati. Il gioco diverte seppur con tutti i suoi limiti che lo allontanano dai canoni di splatter e gore a cui ci aveva abituato in passato. Il gameplay funziona, ed è innegabile che senza Mortal Kombat vs DC Universe non avremmo avuto gioielli come i successivi capitoli della saga e i due giochi di Injustice con protagonisti proprio i personaggi DC Comics. Perché è palese come molti elementi introdotti qua siano stati poi ripresi e perfezionati per i rispettivi seguiti.

LA TRAMA

Durante uno scontro tra Raiden e Shao Kahn lo stregone Quan Chi cerca di fuggire attraverso un portale, ma il protettore del Regno della Terra colpisce l’imperatore di Outworld che colpisce il portale. Ne scaturisce un esplosione che non lascia traccia di Shao Kahn.
Nello stesso momento a Metropolis Superman affronta e sconfigge Darkseid, ma mentre questo sta per fuggire attraverso un Boomtube Superman lo colpisce con la vista calorifica causando un esplosione.
Questi eventi in contemporanea destabilizzano i due universi che iniziano a fondersi. I vari combattenti e supereroi sono teletrasportati casualmente l’uno nell’universo dell’altro e una rabbia sovrannaturale inizia a prendere controllo su di loro. Dopo uno scontro iniziale le due fazioni finiscono con l’allearsi contro il nemico comune, Dark Kahn, essere nato dalla fusione tra Darkseid e Shao Kahn.

CHOOSE YOUR FIGHTER: I PERSONAGGI DI MORTAL KOMBAT VS DC UNIVERSE

Mortal Kombat vs DC Universe

Venti personaggi base, dieci per fazione, altri due sbloccabili e un boss inedito non giocabile. Era previsto un DLC con Kung Lao, Quan Chi, Aquaman e Doomsday ma, a causa del fallimento della Midway e il successivo passaggio a Warner, non uscirono mai.

Dal momento che i personaggi di Mortal Kombat non hanno alcuna aggiunta alla propria biografia e gli eroi e criminali DC Comics non hanno bisogno di presentazione per questa volta evito di tediarvi con inutili descrizioni e vi lascio solo con l’elenco dei personaggi.

Personaggi Mortal Kombat

  • Liu Kang
  • Raiden
  • Sonya Blade
  • Jax
  • Kitana
  • Sub-Zero
  • Scorpion
  • Kano
  • Baraka
  • Shang Tsung
  • Shao Kahn (mid boss, sbloccabile)

Personaggi DC Universe

  • Superman
  • Batman
  • Wonder Woman
  • Flash
  • Lanterna Verde
  • Capitan Marvel (Shazam)
  • Catwoman
  • Joker
  • Deathstroke
  • Lex Luthor
  • Darkseid (mid boss, sbloccabile)

Dark Kahn (personaggio inedito, boss finale non giocabile)

Mortal Kombat vs DC Universe: Beginnigs – Il fumetto

Mortal Kombat vs DC

Un prequel a fumetti del videogioco pubblicato con la Kollector’s Edition di MK vs DC. Si tratta di un albo di poche pagine, circa una quindicina, scritto da John Vogel e che ai disegni vede il ritorno di John Tobias, co-creatore del franchise. In realtà c’è poco da dire su questo fumetto. Anzi è il fumetto stesso a non aggiungere nulla in più che non sia già stato detto dal gioco stesso nella modalità storia. Almeno i disegni di Tobias sono belli, ma forse era meglio un artbook a sto punto.

Mortal Kombat vs DC

FINISH HIM! FLAWLESS VICTORY

WHO’S NEXT? >> MORTAL KOMBAT: LEGACY (coming soon)

Ultimi articoli del ciclo Mortal Kombat

Leggi anche:

Per non perdervi nessun aggiornamento vi ricordo che potete seguirci su FacebookInstagram e Telegram

Pubblicato da Alberto P.

Classe 1985. Gli piace definirsi un amante del buon fumetto. Revanscista. Seguace della Chiesa Catodica. Appassionato di narrativa di genere in ogni sua forma, che sia scritta o per immagini, in movimento o meno, in particolare di fantascienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.