Battle Royale di Koushun Takami – Recensione del libro

Battle Royale di Koushun Takami – Recensione del libro

Due parole su Battle Royale, romanzo distopico di Koushun Takami, di cui avevo già letto l’adattamento manga e visto il film.

Repubblica della Grande Asia Orientale. Una classe di studenti di scuola media è costretta a combattere tra loro fino alla morte in un programma gestito da un governo dittatoriale. Chi si ribella muore, compresi i genitori e i tutori di questi ragazzi.

Se vi ricorda Hunger Games è tutto nella norma, le somiglianze non sono poche. Ma non voglio unirmi al coro di coloro che urlano al plagio da parte di Suzanne Collins. Siate onesti, Takami non ha inventato proprio nulla.

In Italia è arrivato prima il manga del romanzo, pubblicato la prima volta dalla defunta Play Press tra il 2003 e il 2005. Seppur sempre scritto da Takami devo dire che non mi lasciò molto. Tanto splatter, tanta azione, un po’ di fanservice, ma non tutta quell’introspezione di cui mi parlavano. Lo trovai fin superficiale nelle scelte di alcuni “giocatori”, che ok son costretti a partecipare con un collare esplosivo messi di fronte alla scelta di uccidere o essere ucciso ma, tralasciando gli psicopatici dichiarati, a volte crollavano come niente come se la moralità non contasse proprio. Nel 2000 ne è stato tratto un film con Takeshi Kitano ma personalmente il mio giudizio è un po’ impopolare. Un giorno dovrei rivederlo, magari potrebbe stupirmi.

Il romanzo arriva in Italia solo nel 2009 per Mondadori, per poi essere pubblicato in una nuova edizione nel 2016 nella collana Oscar Fantastica. Edizione poi ristampata diverse volte.

Devo ammettere che mi ha preso totalmente, il manga non rende giustizia a questo libro, senza doverlo per forza definire capolavoro o libro della vita. Chiaramente in una storia che vede coinvolta una classe di 42 studenti non tutti possono avere lo stesso spazio. E chiaramente solo alcuni di questi saranno poi i protagonisti principali, il resto per lo più carne da macello.

Eppure nelle pagine scritte di un libro, e non di un manga disegnato, i pensieri e la psicologia di questi ragazzi spauriti viene approfondita quanto basta da rendere credibile ogni loro scelta, che sia il suicidio, il cedere alla paura e attaccare i propri amici, se non addirittura impazzire dalla paura, cosa che nel manga dopo una prima parte identica al romanzo invece viene un po’ messa in disparte per mettere in risalto la violenza, il sesso (non sia mai che ci manchino scene di nudo e di sesso quasi esplicito gratuito), e lo splatter, non che il romanzo ci vada piano con le descrizioni delle lotte e le morti ma tutto funziona meglio.

Apparentemente Battle Royale sembra una critica nei confronti del governo, da qui probabilmente il confronto con Hunger Games. In realtà per ammissione dello stesso Takami la sua opera non ha alcun intento politico. Nei fatti Battle Royale è un grosso metaforone con cui l’autore critica la competitività del sistema scolastico giapponese, cosa che poi si riflette anche nella vita lavorativa delle persone. E sappiamo tutti come questo rappresenti un problema sociale in Giappone, portando diverse persone al suicidio

Lettura fresca, veloce, coinvolgente. Merito anche di alcuni capitoli brevi dedicati a questo o quello studente, che ti fanno dire “ancora uno e chiudo” con a chiusura lo scandire degli studenti rimasti. Pecca un po’ in alcuni cliché tipici della narrazione orientale che già trovo stucchevole in molti manga ma che in libro proprio speravo di non trovare, come il classico sogno del protagonista che inizia bene e poi vede morire tutti i suoi amici.

Forse un po’ esagerato il suo status di cult ma comunque una lettura consigliata.

Battle Royale Koushun Takami

BATTLE ROYALE

  • Edizione italiana: Oscar Fantastica, Mondadori, 2016
  • Edizione originale: 1999
  • Autore: Koushun Takami
  • Formato: brossurato con alette
  • Prezzo: Euro 15

Classificazione: 4 su 5.

Leggi anche:

Per non perdervi nessun aggiornamento vi ricordo che potete seguirci su FacebookInstagram e Telegram

Pubblicato da Alberto P.

Classe 1985. Gli piace definirsi un amante del buon fumetto. Revanscista. Seguace della Chiesa Catodica. Appassionato di narrativa di genere in ogni sua forma, che sia scritta o per immagini, in movimento o meno, in particolare di fantascienza.

6 Risposte a “Battle Royale di Koushun Takami – Recensione del libro”

  1. Io ho visto prima il film, poi ho letto il libro e infine il manga. Il libro mi è piaciuto moltissimo, ma ho apprezzato molto anche il film, per quanto abbia inevitabilmente qualche differenza rispetto al libro (mantiene però sempre un buon ritmo e ne rispetto lo spirito).

    1. Ciao e grazie per aver commentato. Devo ammettere di averlo visto tanto tempo fa e appunto non mi piacque, le differenze non sono un problema, anche il manga è diverso in certi punti, seppur sia convinto che non arricchisca la storia, anzi… lo trovai proprio fatto male. Dovrei rivederlo, magari lo rivaluterei.

  2. Forse lo status di cult deriva proprio dal genere in sé, inesplorato fino ad allora, e comunque ancora oggi crudo e duro, non leccatino come la sua copia che citi (Hunger Games).
    Il manga non fece impazzire nemmeno me, era davvero troppo inutilmente gratuito, nella violenza.
    Boh, mi dava questa impressione.
    Il film spacca 🙂

    Moz-

    1. Di Hunger Games ho visto solo i film e a parte una parte (scusa il gioco di parole) del primo film non mi son piaciuti, dovrei leggere i romanzi per fare un paragone reale. Sul genere non saprei, già nel romanzo di King “l’uomo in fuga” si parlava di distopia e giochi mortali, con le sue differenze eh.

  3. Il libro non è malaccio, forse in alcuni aspetti sempliciotto, ma l’idea di fondo è veramente interessante (anche se poi l’autore non si dimostra all’altezza di un tale compito). Sicuramente è da ricordarsi per la feroce critica al sistema scolastico/lavorativo giapponese.

  4. Un’opera molto importante soprattutto per la tematica che affronta e per il successo che ha avuto. Non è perfetto, questo è certo, e leggendolo si capisce quali siano alcuni dei difetti, ma è un libro davvero bello e interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.