Transformers: la prima linea di giocattoli (1984) parte 1 – Autobot

Transformers: la prima linea di giocattoli (1984) parte 1 – Autobot

La prima linea di giocattoli dei Transformers della Hasbro debutta nel 1984 cambiando ben poche cose rispetto agli originali Microman e Diaclone da cui erano presi. I cambiamenti riguardavano soprattutto adesivi, in cui venivano aggiunti i simboli delle fazioni e rimossi tutti i riferimenti a Diaclone, e un leggero riattrezzaggio come la rimozione delle molle lanciamissili per diminuire notevolmente la gittata dei proiettili. In questa prima serie vengono nettamente divise le due fazioni, probabilmente per un riconoscimento facile ed immediato: gli eroici Autobot erano le automobili e camion mentre i malvagi Decepticon erano praticamente tutto il resto, aerei militari e oggetti di vario tipo.

Diversamente dai giocattoli moderni i modelli presentavano molte parti in metallo, questo perché in seguito alla crisi del petrolio degli anni ’70 la produzione di giocattoli in metallo era più economica rispetto a quelli in plastica. Sfortunatamente però questi materiali non invecchiano bene e oggi è difficile trovare modelli che non siano danneggiati.

Questa prima linea di giocattoli venne importata in Italia dalla GiG con il nome Trasformers, senza la N, Autobot divennero Autorobot, i Decepticon divennero Distructors, e i nomi dei personaggi vennero tutti modificati per il mercato italiano, nomi poi usati anche nella serie animata e che metterò tra parentesi.

(credit foto e info: tfwiki.net)

AUTOBOT COMMANDER

Optimus Prime (Commander)

Transformers giocattoli 1984

L’originale Optimus Prime arriva dalla linea Diaclone con il nome di Battle Convoy. Era un semirimorchio Freightliner WFT-8664 composto da due parti separate, il mezzo diventava il robot stesso mentre il rimorchio si trasformava in una postazione da combattimento. Il personaggio era dotato di due pugni rimovibili che non trovavano collocazione nella modalità veicolo ma potevano tranquillamente essere inseriti nel petto del robot, dove dovevano essere collocati originariamente gli omini Diaclone. Nel rimorchio erano anche compresi i fucili di Optimus Prime e il drone Roller. Il nome italiano Commander probabilmente deriva dalla designazione di Autobot Commander.

AUTOBOT MINI-CAR

Gli Autobot Mini-Car derivano tutti dalla linea Microchange Mini-Car Robot di Microman che comprendeva queste mini automobili deformed trasformabili.

Brawn (Cammello)

TF Brawn

Una Suzuki Jimny SJ20 che diventava un robot davvero bruttino.

Bumblebee (Maggiolino)

Transformers giocattoli 1984

L’iconico Woksvagen Beetle Bumblebee era disponibile in due versioni, giallo e rosso. A giudicare dall’imagine il volto originale non è quello poi divenuto famoso con la serie tv.

Cliffjumper (Grillo)

TF Cliffjumper

Anche Cliffjumper, una Porsche 924 Turbo, era disponibile in due colori, rosso e giallo.

Bumblebee e Cliffjumper spesso erano definiti erroneamente un recolor l’uno dell’altro, in realtà sono due robot diversi che usano lo stesso schema di trasformazione.

Gears (Mulo)

TF Gears

Un piccolo pick up che non trova riscontro con veicoli esistenti.

Huffer (Turbo)

TF Huffer

Anche Huffer non trova riscontro in un veicolo davvero esistente, era semplicemente un generico camion da rimorchio.

Windcharger (Lampo)

TF Windcharger

Una Pontiac Firebird Trans Am. Nella foto è visibile l’adesivo con il logo degli Autobot, era uno sticker a calore, di quelli che scaldati si colorano, è poi stato applicato anche ad altri personaggi.

Autobot Cars

Bluestreak (Ariete)

TF Bluestreak

L’originale Bluestreak, una riproduzione di una Datsun 280 ZX Turbo, deriva dal Diaclone “Fairlady Z”, come si può leggere anche dalla targa. In modalità veicolo le sue portiere potevano aprirsi ma questo era privo di qualsiasi interno automobilistico.

Hound (Canguro)

TF Hound

Hound, trasformabile in una Jeep J59

Ironhide (Falco)

Transformers giocattoli 1984

Ironhide era una Nissan Sunny-Vanette Coach trasformabile in robot con piattaforma da battaglia. Derivando dai Diaclone prevedeva un pilota, motivo per cui non è dotato di una vera e propria testa, ma semplicemente di un adesivo con un disegno applicato al sedile.

Jazz (Tigre)

Transformers giocattoli 1984

Jazz era una Porsche 935 Turbo sempre derivato dai Diaclone, sponsorizzata dalla Martini come quella che vinse il primo gara del Campionato del Mondo Sportprototipi (se non ho capito male) al Mugello.

Mirage (Mistero)

TF Mirage

Mirage deriva dal Diaclone F1 Ligier JS11

Prowl (Pantera)

Transformers giocattoli 1984

Prowl come il suo gemello Bluestreak deriva dal Diaclone Fairlady Z, Datsun 280 ZX Turbo, in variante auto della polizia.

Ratchet (Doc)

Transformers G1 Gig Doc 1984

Come il suo retool/redeco Ironhide anche Ratchet deriva dai Diaclone e prevedeva un pilota.

Sideswipe (Freccia)

Transformers G1 Freccia Gig 1984

Sideswipe si può trasformare in una Lamborghini New Countach LP500S e originariamente faceva parte dei Diaclone.

Sunstreaker (Lince)

Transformers G1 Gig Lince 1984

Sunstreaker invece è una Lamborghini Countach LP500S modificata con motore a vista.

Trailbreaker (Tuono)

Transformers G1 Gig Tuono 1984

Trailbreaker poteva trasformarsi in una Toyota 4WD Hi-Lux camper truck.

Wheeljack (Saetta)

Transformers G1 Gig Saetta 1984

Wheeljack era basato sul Diaclone Lancia Stratos Turbo con tanto di sponsor dell’Alitalia.

Leggi anche:

Per non perdervi nessun aggiornamento vi ricordo che potete seguirci su FacebookInstagram e Telegram

Pubblicato da Alberto P.

Classe 1985. Gli piace definirsi un amante del buon fumetto. Revanscista. Seguace della Chiesa Catodica. Appassionato di narrativa di genere in ogni sua forma, che sia scritta o per immagini, in movimento o meno, in particolare di fantascienza.

8 Risposte a “Transformers: la prima linea di giocattoli (1984) parte 1 – Autobot”

  1. Di questi in foto ho avuto solo Saetta, ed ho visto dal vivo Mulo e Tigre.
    Bluestreak e Hound se li avessi incrociati da bambino, li avrei certamente desiderati.

  2. Alcuni proprio non li ricordavo, tipo Pulce e Cammello (terribile sia il robot che il nome italiano).
    Bumblebee in doppio colore avrà fatto la felicità di Kubrick 😀

    Moz-

  3. Quando vidi il giocattolo di Ironhide e Ratchet rimasi sconvolto da bambino! Mi chiedevo quale bambino potesse comprarsi un transformers così…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.